Notizie

Il seme della Parola vivente

Categoria principale: Notizie
Creato Domenica, 12 Luglio 2020 13:58
Ultima modifica il Domenica, 12 Luglio 2020 13:58
Scritto da Administrator

La parabola del seminatore illustra, con linguaggio georgico, le varie tipologie di reazione che può provocare la parola di Dio nei cuori in cui è seminata.

Gesù sembra che abbia osservato un seminatore al lavoro e ne dia notizia ai circostanti: «Ecco il seminatore uscì a seminare». Indica le diverse tipologie di terreno in cui il seme va a finire e conclude seccamente: «Chi ha orecchi ascolti».

 

I vari tipi di terreno, su cui cade il seme, corrispondono a differenti consistenze cardiache. Tutti i cuori sono anatomicamente e fisiologicamente uguali, ma se li prendiamo come simbolo dell’interiorità umana nei confronti della parola di Dio che li raggiunge, le differenze sono piuttosto marcate.

E così c’è il cuore incapace di trattenere la parola di Dio; c’è il cuore che la raccoglie con entusiasmo superficiale; c’è il cuore sopraffatto da altre preoccupazioni e dunque incapace di concentrarsi sulla parola di Dio. E finalmente c’è anche il cuore che «ascolta la parola e la comprende», producendo «il cento, il sessanta, il trenta per uno».

 

La produzione non è uguale, dipende da fattori antropologici, perché gli uomini non sono tutti uguali. Ma comprendere non basta. Occorre  “vivere la Parola”.

Il dono della fede fa ascoltare la Parola, quello della speranza la fa custodire e crescere e quello dell’amore le fa portare frutto. I tre doni, della fede, della speranza e della carità, fanno del nostro cuore lastricato di viottoli, pietrificato da paure e soffocato da egoismi, una terra bella e feconda.